Un charter aereo cargo risolleva anche gli umori in Vector

La società di spedizioni Vector nel week end si è resa protagonista all’aeroporto di Pisa di un’importante spedizione charter con aereo Antonov 124-100 che oltre a far felice il cliente ha risollevato l’umore anche dei dipendenti in questo delicato momento segnato dall’emergenza Coronavirus.

“L’operazione è avvenuta con tempi stretti, abbiamo organizzato tutto in pochi giorni” spiega a AIR CARGO ITALY il presidente di Vector, Roberto Buttà. “Avevamo una turbina di dimensioni eccezionali in Francia e non c’erano i tempi tecnici per ottenere i permessi di trasporto stradale dalla Francia su Pisa. Abbiamo quindi ritirato e consegnato il pezzo  all’aeroporto di Vatry, a nord di Parigi. L’aereo noleggiato ha fatto  una prima toccata a Vatry per caricare il pezzo e poi ha volato a Pisa per completare il carico e partire poi verso Abu Dhabi”.

L’Antonov 124 è partito da Pisa completamente pieno con a bordo due carichi eccezionali più altre 24 casse a completamento della spedizione. All’aeroporto di Pisa l’aereo è atterrato alle12.45 di sabato ed è ripartito, dopo aver compleato il carico della merce, alle 17.00 dello stesso giorno diretto verso gli Emirati Arabi Uniti.

La spedizione è stata effettuata per conto di un cliente di Abu Dhabi mentre i caricatori degli impianti erano Siemens e Baker Hughes (Ge).

Al presidente di Vector, Roberto Buttà, preme sottolineare in particolare due aspetti legati a questa spedizione:  “Terrei a sottolineare l’importanza dal punto di vista psicologico che l’operazione ha avuto sull’azienda e sui collaboratori in questi momenti difficili generando in tutti curiosità, entusiasmo e partecipazione,  trasformando un momento di lavoro anche in un’occasione di team building che ha infuso positività a tutti”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY