Treno dall’Asia complementare all’aereo per le spedizioni di Dpi

Photo credit: Milan Airports

Il trasporto aereo merci dalla Cina all’Italia è sempre più caro e inizia a farsi spazio l’alternativa della spedizione via treno.

Come e perché lo spiega Riccardo Fuochi, numero uno della società di spedizioni Logwin che, come molti altri suoi colleghi è in questi giorni alle prese con una valanga di richieste di importazioni di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale dalla Cina per molte aziende italiane.

“I noli aerei fino a poco tempo fa incidevano per circa 2,7 dollari/kg di merce, ora sono oltre i 10. Per non parlare delle spedizioni effettuate con i courier per cui il costo è molto più elevato” rileva Fuochi. Che poi aggiunge: “Non si può parlare di speculazione, salvo qualche caso isolato, da parte delle compagnie che hanno dovuto lasciare a terra il 90% degli aerei e che devono lottare per la sopravvivenza, ma penso che una migliore programmazione logistica potrebbe agevolare i flussi in arrivo e non penalizzare ulteriormente chi dovrà poi acquistare questi dispositivi”.

Ci sono però anche alte criticità secondo l’esperto spedizioniere, fra cui per non parlare delle altre difficoltà come pagamenti anticipati all’ordine, difficoltà all’importazione con possibilità di ‘blocco’ nei paesi di transito (vedi Turchia, Germania, ecc.), rischio di requisizione della merce all’arrivo (anche se destinati a onlus e enti pubblici). “È evidente che qualcosa non funziona o non ha funzionato” prosegue dicendo Fuochi, che nei seguenti termini suggerisce di affidarsi anche al trasporto su ferro: “I primi ordini possono partire via aerea ma subito dopo occorre mettere in moto la supply chain utilizzando i servizi ferroviari che funzionano ancora benissimo. Il transit time door to door fra Cina e Italia è di circa una settimana per la via aerea contro i circa 20 della ferrovia a cui bastano 50 container per fare un treno blocco dedicato e il costo è di quasi 10 volte inferiore alla via aerea”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY