“Sulle rotte internazionali rimarranno una dozzina di compagnie aeree”

Solo una dozzina di compagnie aeree si divideranno il mercato aereo delle principali rotte internazionali. È quanto sostiene l’amministratore delegato di Lufthansa, Carsten Spohr, mentre una possibile crisi economica futura potrebbe accelerare un consolidamento dei vettori aerei.
Ci sarebbero “tre compagnie negli Stati Uniti, tre in Cina, tre nel Golfo e tre in Europa”, ha affermato il vertice del primo gruppo di compagnie aeree europee, senza far riferimento ad alcuna compagnia. L’Europa “è in ritardo rispetto al consolidamento”, ha dichiarato Spohr, aggiungendo che una crisi economica “e i risultati finanziari sempre più scarsi delle imprese, anche qui in patria, accelereranno” fusioni e acquisizioni.
“Se c’è un aspetto positivo da trovare nella recessione economica, è questo”, ha detto. “Il nostro settore è molto più ciclico”, cioè “esposto agli sviluppi economici globali, rispetto ad altri”, ha spiegato il capo dell’azienda tedesca, in un momento in cui l’economia globale soffre di tensioni commerciali internazionali. “Vogliamo e giocheremo un ruolo attivo nel consolidamento”, ha aggiunto Spohr.