Stenta a decollare la ripresa delle spedizioni aeree globali

La ripresa delle spedizioni aeree a livello globale continua ma ad un ritmo molto lento, inferiore persino a quello che si potrebbe ipotizzare dall’analisi degli indicatori sull’andamento dell’economia.

Nel mese di luglio, riferisce IATA, la domanda di trasporto aereo delle merci è stata infatti del 13,5% più bassa, in termini di CTK (cargo tonnes kilometers), che nello stesso mese del 2019, dato solo di poco migliore di quello osservato in giugno (-16,6%). Ancora pesante il divario dal lato della capacità: in ACTK (available cargo tonne-kilometers) la stiva globale è infatti inferiore del -31,2% a quella del luglio 2019 (nel mese di giugno lo scarto era pari al – 34,1%). In particolare la capacità belly, più bassa del 70,5% rispetto a quella del luglio 2019, risulta ancora più scarsa (in termini relativi) di quella disponibile in giugno (-70% sullo stesso mese dello scorso anno), mentre quella offerta da aerei freighter, che al contrario continua ad aumentare, è superiore del 28,8% (in giugno la crescita era maggiore, + 32%).

Continua a essere peggiore della media globale, inoltre, la performance del Vecchio Continente, alle prese con una domanda di trasporto del 22% inferiore rispetto al luglio 2019 e una contrazione della stiva pure ancora marcata (-36,5%). Si tratta comunque, per le performance europee, di un miglioramento, seppur lieve, rispetto a quelle registrate in giugno (in cui i due dati erano rispettivamente pari a – 27,2% e -41,5%).

Questo andamento complessivo del settore delle spedizioni aeree, rileva IATA, appare oggi ‘scollato’ da quello dell’economia a livello globale, perlomeno stando al Purchasing Managers’ Index (PMI), valore solitamente usato per prevedere le performance dell’industria manufatturiera. L’indice risulta ora sopra la linea di galleggiamento di 50, e quindi è in ‘territorio positivo’, mentre la componente relativa al trend delle esportazioni è superiore di 3,5 punti rispetto a giugno e in progressione di 19,8 rispetto ad aprile.

Insomma, “gli indicatori economici migliorano ma questo non si è ancora pienamente riflesso nella crescita delle spedizioni aeree” ha commentato il direttore generale ed amministratore delegato di IATA Alexandre de Juniac. Per il quale “frontiere ancora bloccate, viaggi ridotti e la flotta passeggeri a terra” rischiano di tenere ancora schiacciata verso il basso la disponibilità di stiva, rendendo difficoltoso per l’industria aerea il suo tradizionale compito che consiste nel “muovere l’economia globale”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY