Riprende quota il traffico merci degli scali italiani, Malpensa a +12%

Trainato dalla performance di Malpensa, sta riprendendo quota il traffico merci negli aeroporti italiani. Secondo i dati di Assaeroporti, pur rimanendo ampiamente in ‘territorio negativo’, a novembre le movimentazioni hanno raggiunto le 89.383,4 tonnellate, ovvero il 10,7% in meno rispetto allo stesso mese del 2011, dopo il -23,4% di ottobre.

Nel quadro, spicca il risultato dello scalo milanese: Malpensa ha gestito volumi per 59.430,8 tonnellate, ovvero il 12,9% in più rispetto al novembre 2019. Nel dettaglio viaggia a +14,6% il traffico generale cargo, mentre il segmento postale perde il 62,1%. L’aeroporto lombardo aveva già invertito la marcia a ottobre, mese in cui aveva ottenuto una crescita dello 0,2%.

Tra i risultati più degni di nota quello di Bologna, che non solo torna finalmente a crescere ma lo fa registrando un incremento del 35,1% sul novembre 2019 (per complessive 5.586,8 tonnellate di merci).

Anche Brescia continua nel suo percorso di aumento a due cifre, accelerando addirittura il ritmo. L’aeroporto di Montichiari risulta avere movimentato 4.108 tonnellate, ovvero +22,6% sul novembre 2019, (contro la crescita del 17,5% di ottobre).

Continuano invece ad annaspare gli altri aeroporti maggiori italiani. Fiumicino chiude il mese con 6.043,6 tonnellate, ovvero il 64,5% in meno rispetto al novembre dell’anno prima, in linea con la performance di ottobre. Venezia, con 3.430,9 tonnellate, archivia il mese con un -34,4%, mentre Bergamo con 2.947,4 tonnellate continua a perdere il 72%.

Grazie al recupero di novembre, i risultati progressivi risultano in leggero miglioramento. Alla fine dello scorso mese gli aeroporti italiani perdevano infatti il 24,8% sui primi undici mesi del 2019, con movimentazioni per complessive 758.132,9 tonnellate. Alla stessa data Malpensa risultava in rosso del -9,5%, mentre a Fiumicino risultava un calo del 60,9%.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY