Prorogati i tempi della trattativa con Certares per Ita Airways

I tempi della trattativa riservata tra il fondo Certares (con i partner Delta Airlines ed Air France-Klm Sa), selezionato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’avvio di una trattativa in esclusiva per la cessione di Ita Airways, si allungano di un mese. Dalla scadenza già superata del 30 settembre, l’esecutivo uscente, riferisce Reuters, avrebbe spostato i termini al prossimo 31 ottobre. Una proroga decisa per permettere al nuovo governo, che si formerà entro la metà del mese, e in particolare alla presidente del consiglio in pectore Giorgia Meloni, di prendere in mano il dossier. La posizione di Meloni e di Fratelli d’Italia sulla materia è nota: in sintesi, meglio che la compagnia resti in mani pubbliche. Anche la preferenza accordata dal governo Draghi all’offerta di Certares rispetto a quella di Msc Lufthansa è stata letta da alcuni come una cortesia all’esecutivo che verrà: pur proseguendo nell’iter della privatizzazione, si è preferita l’opzione che garantiva allo Stato una quota maggiore (il 44%) e maggior peso in Cda (2 membri su 5), più in linea con l’orientamento espresso finora di FdI.

Tuttavia, secondo quanto riferisce il Corriere della Sera, sono tre aspetti gli aspetti della cessione che Giorgia Meloni vorrebbe approfondire: se questa debba o meno riguardare la quota di maggioranza, se sia adeguata la ricapitalizzazione di 600 milioni di euro proposta dal fondo, ma anche se “Certares sia l’investitore giusto o se non sia il caso di chiamare di nuovo anche Msc e Lufthansa”. L’esito della trattativa sarebbe quindi ancora molto incerto, e di questo pare essere consapevole in primis il gruppo di Gianluigi Aponte, che, pur avendo nel frattempo annunciato il lancio della sua nuova Msc Air Cargo, non più tardi di un paio di settimane fa aveva anche detto, per voce del presidente di Msc Crociere, Pierfrancesco Vago, di non considerare ancora chiusa la partita Ita Airways.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY