Per gli spedizionieri italiani nasce “Cargo Ecosystem”

“Un supporto concreto agli operatori della logistica per la transizione digitale e green”. Con queste parole è stato annunciato il via a Cargo Ecosystem, nuova iniziativa lanciata delle associazioni Fedespedi, Anama e Alsea in collaborazione con il partner tecnologico Cargo Start, per accelerare la transizione digitale e ecologica. Più precisamente l’iniziativa prevede agevolazioni sull’utilizzo di piattaforme tecnologiche innovative per potenziare la visibilità del flusso delle spedizioni e la misurazione dell’impronta ecologica.

Le tre associazioni soiegano che “Cargo Ecosyetm – Shaping the future together” ha lo scopo di promuovere una maggiore collaborazione digitale fra gli attori della filiera, dando impulso all’innovazione e facilitando l’accesso alle tecnologie e al know-how necessari per migliorare la qualità dei dati e dunque l’efficienza e la produttività.

Grazie all’accordo siglato con il provider digitale Cargo Start, le imprese di spedizioni associate a Fedespedi, Anama e Alsea potranno usufruire – a condizioni agevolate – di due soluzioni innovative per il tracking aereo e la misurazione dell’impronta digitale: StarTracking by Cargo Start e CarbonCare.

“StarTracking è la prima piattaforma di visibility airport-to-airport che fornisce aggiornamenti di stato delle spedizioni real-time, basati su dati reali e contestuali di diversi vettori” si legge nella nota. “CarbonCare, sviluppato e operato dall’omonima società svizzera, è un sistema per la misurazione del carbon footprint che si adatta a tutte le modalità di trasporto”. Le due soluzioni, sono facilmente interfacciabili ai sistemi gestionali in uso.

“Per migliorare l’efficienza del cargo aereo e soddisfare un cliente finale sempre più esigente sullo stato delle spedizioni, Anama ha l’obiettivo di incoraggiare gli associati a potenziare le risorse tecnologiche, mettendo a disposizione soluzioni efficaci e sostenibili anche dal punto di vista dei costi come quelle di Cargo Start” è il commento di Alessandro Albertini, presidente di Anama.

La numero uno di Alsea, Betty Schiavoni, ha aggiunto: “Cargo Start condivide con noi due prodotti su temi di stretta attualità quali la digitalizzazione e la sostenibilità. Riteniamo possa essere il partner giusto al momento giusto. La tracciabilità delle spedizioni e il controllo delle emissioni inquinanti sono strumenti che riteniamo necessari per il futuro delle nostre imprese e quindi siamo felici di poter offrire alle aziende associate questi prodotti”.

Infine Silvia Moretto, presidente di Fedespedi, a sua volta ha dichiarato che “la partnership con Cargo Start risponde all’esigenza di dotare le imprese associate di strumenti che possano supportarle nella propria attività quotidiana di consulenti dell’industria produttiva. È un’esigenza che Fedespedi ha raccolto grazie all’attività dell’Advisory Body IT & Digital Innovation e di Fedespedi Giovani che hanno lavorato sulla raccolta di input da parte delle imprese sui temi dell’innovazione digitale e della sostenibilità ambientale. Nel nostro settore la transizione digitale e quella green sono due facce della stessa medaglia: per questo siamo certi che un’iniziativa come Cargo Ecosystem possa contribuire a una filiera più affidabile, resiliente, competitiva, efficiente e green”.

Manuele Vurchio, general manager di Cargo Start, ha infine sottolineato come la sua azienda abbia “accolto con entusiasmo l’opportunità di partecipare come partner tecnologico a un’iniziativa come Cargo Ecosystem. Siamo fiduciosi – ha aggiunto – che il contesto di ‘ecosistema’ sia  l’occasione per confrontarci ancor più da vicino con le esigenze legate all’innovazione delle imprese di spedizioni, per progettare insieme soluzioni sempre più innovative, a beneficio della filiera logistica del futuro.”

 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY