Movincar apre all’aeroporto di Malpensa e cerca personale

Il Gruppo Movincar, azienda italiana attiva come rivenditore e noleggiatore di macchine di sollevamento e movimentazione merci per porti, aeroporti e centri logistici, si prepara ad aprire una nuova sede presso l’aeroporto di Malpensa. Lo ha reso noto la stessa Movincar sul proprio sito dove si legge che il gruppo “è alla ricerca di tecnici elettronici e meccanici per la manutenzione, riparazione e collaudo mezzi per l’apertura di nuove filiali”. Imminente è appunto l’atterraggio  nel sedime aeroportuale di Milano Malpensa e a seguire dovrebbe prendere forma anche una nuova apertura al Marco Polo di Venezia.

“Stiamo cercando persone motivate che abbiano conseguito un diploma tecnico in ambito meccanico o elettronico, di età compresa tra i 30 e i 50 anni con esperienza in attività di manutenzione tecnica di mezzi aeroportuali, carrelli elevatori o trattori industriali diesel ed elettrici e posseggano una conoscenza basilare degli applicativi Office e di Windows OS” scrive Movincar nella sua comunicazione. “Le risorse si occuperanno di svolgere mansioni all’interno dell’area di stazionamento degli aeromobili e in officina per la manutenzione dei mezzi. Richiediamo la disponibilità a lavorare su turni.

Movincar fornisce una completa gamma di attrezzature aeroportuali attraverso la sua rete di vendita. “Le aziende con cui collaboriamo e che proponiamo – si legge sul sito – sono tutte leader nel loro settore, sinonimo di grande affidabilità e alto livello tecnologico. I macchinari che trattiamo sono presenti in gran parte degli aeroporti di tutta Italia, dove forniamo anche assistenza tecnica a 360 gradi. La nostra mission è di fornire un supporto veloce, affidabile e completo ai nostri clienti ovunque si trovino. Offriamo attrezzature che svariano dalla movimentazione e trasporto passeggeri (scale, veicoli speciali per persone diversamente abili, carrelli…) alle merci (cargo loader, dollies, nastri bagagli) e agli aeromobili stessi (tow tractor e towbarless tractor)”.

Leggi il post sul sito di Movincar