Meridiana e Norwegian incrementano la capacità di stiva dall’Italia

Milano – Per i caricatori e gli spedizionieri italiani il 2018 si è aperto con la buona notizia che due vettori aerei offriranno da quest’anno maggiore capacità per il trasporto merci dall’Italia al Nord America. Lo ha sottolineato Giovanni Costantini, cargo manager di Sea Aeroporti di Milano, in occasione del convegno tenutosi a Milano dal titolo ‘Cargo aereo: il canale logistico per le merci ad alto valore aggiunto’ organizzato nell’ambito dell’evento Shipping Forwarding & Logistics meet Industry.

Passando in rassegna le buone notizie che arrivano dagli incoraggianti dati di traffico del 2017, Costantini, a proposito dei collegamenti aerei dall’Italia, ha detto che “Meridiana aprirà due nuovi voli da Malpensa verso New York e Miami serviti con dei Boeing 777 che consentiranno anche di caricare merce. Oltre a ciò bisogna segnalare che anche il vettore low cost Norwegian da novembre ha lanciato un volo da Fiumicino per New York e anche in questo caso gli aeromobili (Boeing 787) consentono l’imbarco di merce”. Sempre Norwegian si appresta poi ad avviare un nuovo collegamento fra Malpensa e Los Angeles a partire dal prossimo mese di giugno.

Costantini ha però messo in evidenza anche le opportunità per il cargo che porterà con sé il rilancio di Meridiana (compagnia aerea nella quale è entrata Qatar Airways) perché, ha ricordato il cargo manager di Sea, “a partire da giugno effettuerà da Malpensa due nuovi voli intercontinentali verso gli Stati Uniti (New York e Miami) e Meridiana da sempre ha un’organizzazione ben strutturata per il cargo”.

Il convegno dedicato al cargo aereo, e al quale hanno partecipato in qualità di relatori anche Alessandro Cappella (Assohandlers e Alha Goup) e Betty Schiavoni (Alsea e Freschi&Schiavoni), è stato anche l’occasione per un ampio confronto su diversi temi fra cui l’e-commerce (che complica la vita agli handler e spaventa gli spedizionieri) e l’ampliamento delle aree dedicate al cargo a Malpensa (dove si sta concludendo il piano d’investimento da 90 milioni di euro al quale farà seguito l’avvio del progetto per la realizzazione dei magazzini di seconda linea con i primi lotti previsti in consegna nel 2020).  

Nicola Capuzzo