Leonardo sperimenta in Italia i droni per il trasporto di merci pesanti

Leonardo prosegue nelle sperimentazioni con i droni nel campo della cosiddetta Advanced Air Mobility. Dopo il test condotto lo scorso ottobre per la spedizione di campioni biologici e generi biomedicali destinati all’Ospedale Bambin Gesù di Roma, l’azienda ha avviato nei giorni scorsi una serie di prove, autorizzate da Enac, a Torino per il trasporto tramite velivolo a guida autonoma di un carico di 25 kg.

Nel test, per il quale hanno collaborato anche il Comune di Torino e D-Flight (società del gruppo Enav, in partnership con Leonardo e Telespazio), è stato impiegato un drone del peso di 130 kg con modalità di controllo in linea di vista estesa rispetto al campo visivo del pilota.

Questa sperimentazione, secondo le aziende partner, “rappresenta un significativo passo avanti verso un nuovo modello di trasporto logistico aereo” e apre la strada a progetti “che consentiranno, in prospettiva, di trasportare centinaia di chili su tratte fino a 50 km con modalità di controllo del velivolo oltre la linea di vista del pilota”, ovvero Beyond Visual Line of Site – Bvlos.

Uno dei principali ambiti di utilizzo – secondo Laurent Sissmann, Senior Vice President Unmanned Systems di Leonardo – in particolare sarà quello “in situazioni di emergenza come quelle degli ultimi mesi.”

Nella dimostrazione è stata impiegata la piattaforma D-Flight che ha fornito servizi di registrazione e rilascio dei Qr code e applicazioni di pianificazione di missione e di attivazione della posizione del pilota mediante mobile app.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY