L’e-commerce rappresenterà un quinto delle spedizioni aeree nel 2022

Il commercio elettronico mondiale transfrontaliero entro il 2022 varrà per il 20% delle spedizioni aeree globali, raddoppiando in sostanza la sua quota dal 2017.
L’analisi, riportata sulle pagine di Lloyd’s List, è di Tobias Wölfel, a capo dell’area Air Cargo Research di McKinsey & Company.
Sotto questo profilo, ovvero la capacità di farsi largo nelle stive degli aerei, l’e-commerce ha rallentato la sua crescita nel 2020, sia perché le vendite on line hanno dovuto lottare con altri tipi di forniture per assicurarsi il poco spazio a disposizione, sia perché si sono concentrate soprattutto su prodotti realizzati nel paese di acquisto.
Il rallentamento, secondo l’analista, sarà però solo temporaneo e lo sviluppo dell’e-commerce transfrontaliero tornerà presto a superare per percentuale di crescita quello del ‘domestico’. “Il 70-80% del traffico e-commerce transfrontaliero continuerà a essere trasportato per via aerea” ha affermato Wölfel, il quale poi ha anche parlato dell’affermarsi sulla scena di soluzioni ‘ibride’, ovvero a metà strada tra quelle espresse e quelle del più lento canale postale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY