Kuehne è salito al 15% di Lufthansa diventando primo azionista

Con una mossa che arriva proprio nelle settimane in cui si sta definendo il destino di Ita Airways (probabilmente proprio a favore della compagnia tedesca e di Msc), Klaus-Michael Kuehne ha ulteriormente incrementato la sua quota in Lufthansa.
L’85enne imprenditore tedesco, che già lo scorso aprile era diventato il più grande azionista privato della società con il 10,1%, si è infatti portato al 15,01%, divenendo quindi ora il primo socio tout court, avendo infatti al suo fianco il governo tedesco con una quota del 14,1%.

L’operazione è stata condotta tramite la Kuehne Aviation e secondo Reuters Kuehne potrebbe essere il candidato ideale per rilevare, entro la scadenza dell’ottobre 2023, la ‘fetta’ detenuta dall’esecutivo, rilevata a seguito della crisi pandemica.

Come già evidenziato il consolidamento della posizione di Kuehne in Lufthansa è interessante considerati i diversi interessi del magnate nel settore della logistica. Tramite la sua holding l’imprenditore controlla (tra le altre cose) una delle case di spedizioni più importanti al mondo, la svizzera Kuehne + Nagel International AG, peraltro recentemente diventata direttamente vettore aereo, nonché il 30% della compagnia marittima Hapag Lloyd.

L’eventuale successo della cordata Lufthansa – Msc nell’operazione di privatizzazione di Ita Airways lo porterebbe a godere di un ruolo di primo piano anche nel settore delle spedizioni aeree, portandolo così al fianco del concittadino (in quanto pure residente in Svizzera) e all’incirca coetaneo (essendo quest’ultimo 82enne) Gianluigi Aponte.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY