In Usa si avvicina la sperimentazione del pilota unico sugli aerei cargo

 

Negli Stati Uniti sta prenendo forma una rivoluzione del trasporto aereo che passa per la riduzione da due a uno dei piloti a bordo dei voli cargo. 

L’idea e’ da tempo in cima alla lista dei desideri delle compagnie aeree e adesso un passo importante in quella direzione sara’ compiuto dagli Usa con un nuovo accordo con l’agenzia che si occupa di trasporto aereo, la Faa e l’ausilio tecnico della Nasa. 
Repubblica racconta infatti che la posizione del Congresso Usa è contenuta in un passaggio del “Faa reauthorization act 2018” con il quale si stabilisce il budget – 4,35 miliardi di dollari l’anno – destinato al settore e si aggiornano le norme che regolano i rapporti e i fondi investiti nei prossimi cinque anni a favore della Faa. Qui sono state introdotte poche righe per un possibile nuovo fronte, aperto proprio allo studio di fattibilità di quella che – soltanto per le linee aeree – potrebbe rappresentare una svolta e un forte risparmio.

Il capitolo in questione recita testualmente: “Aerei commerciali cargo con pilota singolo. Si dà il via a un programma di ricerche che sviluppi la guida a pilota unico degli aerei cargo attraverso assistenza remota con l’ausilio di computer”. Uno studio dettagliato sulla possibilità di prendere il controllo da terra in caso di pericolo, “è atteso nei prossimi mesi anche grazie all’aiuto della Nasa che fornirà supporto alla Federal aviation”.

L’associazione mondiale dei piloti Alpa contrasta ovviamente questa prospettiva dicendo: “I piloti professionali degli aerei cargo si oppongono con forza a questa possibilità e implorano il Congresso di tornare sulle proprie decisioni immediatamente. Altrimenti, parlando o proponendo un pilota unico a bordo dei cargo americani, verranno cancellati decenni di sicurezza e si metterà in serio pericolo la vita delle persone. L’aviazione è stata per molti anni una garanzia  in termini di sicurezza e il via libera a queste sperimentazioni, che sono ancora come minimo premature se non imperfette, faranno fare dei rischiosi passi indietro a tutto il settore”.

Leggi l’articolo completo su Repubblica