In aprile volumi giù del 39%, capacità del 45%

Anche il mese di aprile è stato caratterizzato da un crollo verticale della domanda di trasporto aereo e da uno ancora maggiore della capacità disponibile sul mercato. Ciononostante, le prime settimane di maggio paiono mostrare alcuni segnali incoraggianti di ripresa. Ad affermarlo è Clive Data Services, società di consulenza che per marzo aveva parlato di un calo del 23% della domanda.

Secondo gli analisti, aprile ha visto precisamente un declino dei volumi del 39% (salvo naturalmente quelli legati al trasporto di DPI e materiale medico, che sono ‘esplosi’), a cui si è accompagnata una contrazione della capacità del 45%. Una combinazione che ha fatto crescere il dynamic load factor (parametro utilizzato da Clive che tiene conto sia del peso sia del volume delle spedizioni) a un livello del 67%, ovvero 4 punti percentuali rispetto in più rispetto allo stesso mese del 2019.

Secondo Clive tuttavia il calo della domanda di trasporto aereo potrebbe essere vicino alla fine: le rilevazioni settimanali mostrano infatti che il declino che si è osservato dalla metà di marzo alla metà di aprile è diventato meno pesante nelle due settimane fino al 3 maggio. A supporto di questa possibilità la società cita anche i report di Goldman Sachs e Morgan Stanley. In particolare secondo quest’ultimo diversi indicatori suggeriscono che l’economia globale “sta toccando il fondo”, auspicabilmente per iniziare presto dunque la risalita.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY