Gentile (Rfi) fa il punto sui nuovi collegamenti ferroviari con gli aeroporti

Rete Ferroviaria italiana ha in progetto il collegamento dei porti e degli aeroporti strategici del sistema italiano. A fare il punto sulle opere avviate è stato Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi, in occasione della fiera Expo Ferroviaria in corso alla Fiera di Rho (Milano).

“I porti italiani – ha spiegato a margine di una conferenza stampa – sono quattordici. Dieci sono già sostanzialmente collegati. Dobbiamo migliorare la nostra presenza a partire dal porto di Genova con i lavori del Terzo Valico. Quattro porti non sono collegati: si tratta di Palermo, Cagliari, Augusta e Bari” dove esistono “oggettive difficoltà urbanistiche per l’antropizzazione che li circonda, sarà difficile arrivarci”. POi ha proseguito dicendo: “Ma tre di questi porti sorgono su isole, quindi sarà possibile raggiungerli in modo diverso soprattutto per quanto riguarda Cagliari”. Rfi punta a migliorare la presenza a Genova, dove “abbiamo un progetto con l’autorità portuale di Trieste -poi ci sono progetti per Ravenna e Livorno. Ci sono poi collegamenti con porti non considerati strategici, come Civitavecchia e Ortona” ha detto il numero uno di Rfi.

Anche riguardo ai collegamento ferroviario con gli aeroporti sono in campo diversi progetti. “Siamo partiti da una situazione di assoluta incomunicabilità con il sistema ferroviario” ha sostenuto Gentile, “ora bisogna creare le condizioni giuste. Fiumicino è stato collegato con i Mondiali di Calcio ed ora è previsto un ampliamento della stazione ferroviaria, che avrà 5 binari. Sono poi completamente finanziati i collegamenti con l’aeroporto Marco Polo di Venezia e con Orio al Serio di Bergamo. Palermo e Cagliari sono già collegati e come Rfi abbiamo progetti su Malpensa legati al quadruplicamento tra Rho e Gallarate verso la Svizzera, anche per creare maggiore capacità per il traffico verso il Gottardo. Con gli svizzeri – ha concluso – sediamo a un tavolo tecnico permanente su tutti gli interventi, che si concluderanno tra il 2020 e il 2021”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY