Febbraio di crescita (+8%) per il cargo aereo italiano

Febbraio è stato un mese di crescita per gli aeroporti italiani, che complessivamente hanno gestito 84.091,2 tonnellate di merce, l’8% in più che nello stesso mese dello scorso anno (ma anche l’8,4% in più rispetto al dato del 2019). Lo dicono le statistiche di Assaeroporti e di Aeroporti 2030, associazione quest’ultima che riunisce gli scali di Brescia, Ciampino, Fiumicino, Treviso, Venezia e Verona.
Guardando agli scali maggiori, si nota in primis l’incremento di Malpensa, superiore alla media. L’aeroporto varesino chiude il secondo mese dell’anno con 58.512,8 tonnellate, il 9,1% in più rispetto al febbraio 2021. Buone performance sono anche quelle di Bologna (4.587,5 tonnellate, +26,3%) e Venezia (3.556,2, + 19,3%). Fiumicino guadagna il 5,2% con movimentazioni per 7.362,5 tonnellate, mentre per una volta Brescia risulta sulla stessa linea dello scorso anno, con 2.906 tonnellate (-0,1%).
Nell’intero primo bimestre dell’anno, la merce gestita dagli aeroporti tricolore risulta pari a 168.211 tonnellate, ovvero l’11,2% in più rispetto ai primi due mesi del 2021 (e il 6,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2019). Anche guardando a questi dati, risulta più che predominante il ruolo di Malpensa (118.163 tonnellate, +14,3% sul 2021). Superano ancora la media nazionale Bologna (8.600, +18,6%) e Venezia (7.111 tonnellate, +22,3%). Sempre al di sotto Fiumicino, che sale dell’8,8% a 14.423,48 tonnellate, mentre chiude con una performance inferiore a quella dell’anno precedente Brescia (5.666 tonnellate, -8%).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY