E’ di un volo cargo l’incidente aereo più grave del 2017

Il 2017 è stato l’anno più sicuro della storia per volare: per la prima volta non è caduto nessun volo commerciale di una compagnia aerea in tutto il mondo e nessun passeggero è morto in un incidente. I dati sono riportati in due rapporti indipendenti appena pubblicati, realizzati dalla società di consulenza olandese To70 e dell’Aviation Safety Network, un sito che tiene traccia di tutti gli incidenti aerei al mondo. Il 2017 è stato anche l’anno in cui ci sono stati più voli commerciali di sempre: il buon risultato è quindi dovuto all’aumento di misure di sicurezza e in parte alla “fortuna”, ricorda il direttore di To70, Adrian Young.

Stando all’Airline Safety Network, che registra gli incidenti degli aerei civili che trasportano almeno 14 persone, nel 2017 ci sono stati 10 incidenti di aerei privati o che trasportavano merci, che hanno provocato la morte di 44 persone a bordo e 35 a terra; l’anno scorso morirono in incidenti del genere 79 persone, nel 2016 303 in 16 incidenti. L’incidente più grave è avvenuto a gennaio, quando un aereo cargo turco cadde su un paesino in Kirghizistan: morirono tutti i quattro membri dell’equipaggio e 35 persone a terra. L’incidente con più morti a bordo è dell’ultimo giorno dell’anno, quando un aereo precipitato in Costa Rica ha provocato la morte di tutte le 12 persone a bordo. Il 2017 è stato quindi «l’anno più sicuro di sempre, sia per il numero di incidenti mortali, sia per il numero di morti». Nessuno dei due rapporti ha raccolto dati sugli incidenti militari o avvenuti in elicottero: il più mortale è quello di un aereo militare birmano che cadde a giugno uccidendo tutte le 122 persone a bordo.

Negli ultimi vent’anni volare è diventato sempre più sicuro e le persone morte in un incidente aereo sono sempre meno: nel 2005 per esempio furono più di mille sui voli delle compagnie aeree di tutto il mondo. Ora invece l’ultimo volo passeggeri in cui è morto qualcuno è del novembre 2016 in Colombia, mentre l’ultimo aereo di linea in cui morirono più di cento persone cadde in Egitto nell’ottobre del 2015. Secondo l’Airline Safety Network il tasso di incidenti del 2017 è di un passeggero morto ogni 7.360.000 voli; secondo To70 – il cui rapporto è però precedente all’incidente in Costa Rica – c’è stato un incidente mortale ogni 16 milioni di voli. Young ha comunque ricordato che i voli privati hanno un rischio più elevato; i pericoli più grandi per l’industria aeronautica, al momento, sono legati sia a ragioni tecnologiche, come le batterie ricaricabili che possono incendiarsi a bordo, che a problemi di salute mentali e stress.

Leggi di più sul sito della BBC