Distribuzione vaccini: 11 aerei e 73 elicotteri delle Forze Armate in campo

Forze Armate distribuzione vaccino

Quanti mezzi e risorse sono stati necessari per gestire il ‘Vaccine Day’ e quanti lo saranno per le fasi successive della campagna vaccinale anti-Covid19?

La risposta è stata fornita dalla Difesa, che come noto ha gestito l’operazione di domenica scorsa (ribattezzata Eos) per la consegna del preparato di Pfizer su incarico del Commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri e contribuirà anche alla ‘fase 2’, quella cioè per la distribuzione dei vaccini delle altre case farmaceutiche.

In estrema sintesi, si può dire che per le vaccinazioni ‘simboliche’ di domenica 27 dicembre sono stati impiegati 5 aerei e 60 autoveicoli, ma per la seconda parte della campagna – quella per la distribuzione dei prodotti al range ‘standard’ 2-8° la dotazione salirà fino a 11 aerei, 73 elicotteri e oltre 360 autoveicoli.

In particolare la consegna della prima tranche di 9.750 dosi del preparato di Pfizer (le altre saranno recapitate, come da programma iniziale, a cura della stessa casa farmaceutica) dallo stabilimento all’hub di Pratica di Mare è stato effettuato via gomma da veicoli delle Forze Armate, scortate in particolare propri autoveicoli,

Dal centro distributivo, il vaccino è stato trasportato per via aerea verso le località più distanti, con l’impiego di 5 mezzi (due C27J dell’Aeronautica, due Dornier Do. 228 dell’Esercito e un P-180 della Marina). In particolare gli scali militari dove gli aeromobili sono atterrati sono stati quelli di Cagliari, Palermo, Milano, Villafranca (Verona), Rivolto (Udine), Lamezia Terme (Catanzaro), Bari, Firenze, Bologna, Ancona. Verso le altre destinazioni le dosi di questa prima fornitura sono invece arrivate a bordo di 60 autoveicoli, con il supporto di circa 250 militari.

Le Forze Armate come detto torneranno direttamente in campo per la fase 2, occupandosi di distribuire le dosi, che dopo essere confluite comunque nell’hub di Pratica di Mare, saranno consegnate verso i 21 sub hub e le strutture ospedaliere, le ASL e gli altri punti di somministrazione individuati in tutta Italia.
Per queste operazioni sono a disposizione 11 aerei, 73 elicotteri e oltre 360 autoveicoli, così come gli shelter frigo in dotazione alla Difesa.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY