DHL Express annuncia spostamento voli cargo da Bergamo a Malpensa dal 2019

Entro due anni DHL Express Italy sposterà progressivamente a Malpensa larga parte dei voli cargo che attualmente arrivano e partono da Bergamo – Orio al Serio. Lo ha confermato l’amministratore delegato Alberto Nobis alla testata Varese Focus spiegando che, dopo 30 anni, il BGY hub (il terminal di  Bergamo) non è più in grado di sostenere i ritmi di crescita del corriere espresso mentre presso l’aeroporto varesotto, dove già opera un proprio gateway e dove lo scalo risponde alle necessità di spazi di infrastrutture aeroportuali necessarie, ci sono ampi margini di sviluppo e di crescita. Non a caso proprio su Malpensa DHL ha deciso di scommettere con un investimento da circa 90 milioni di euro per costruire il proprio hub internazionale per l’Europa che si affiancherà a quelli più moderni a livello continentale di Bruxelles, East Midlandss, Copenaghen e Lipsia. “L’avvio del cantiere sarà tra ottobre e novembre 2017 e i tempi di costruzione si aggireranno intorno ai 12 mesi ma con un inizio di operatività già a inizio 2019” ha detto Nobis nell’intervista a Varese Focus. “L’espansione su Malpensa consisterà nel raddoppiare l’area operativa passando dagli attuali 27.000 metri quadri ai futuri 55.000 metri quadri” ha poi aggiunto.

Il numero uno di DHL Express Italy ha detto chiaramente che a Malpensa verrà trasferita “gran parte dei voli oggi concentrati su Orio al Serio” ma non si tratterà di una completa ritirata da Bergamo poiché l’attuale hub “sarà mantenuto perché nel nostro modello operativo abbiamo previsto il raddoppio degli hub aerei per garantire livelli di servizio eccellenti”. In pratica verrà capovolta la proporzione attuale che vede DHL disporre di 6 movimenti aerei a Malpensa e 26 a Bergamo.

Nobis ha inoltre sottolineato che fra gli asset più importanti di Malpensa ci sono le due piste di atterraggio e decollo lunghe quasi 4 km che consentono di massimizzare la portata degli aeromobili con circa 40 tonnellate sull’Airbus A300 e ben 90 sul Boeing 777 di ultima generazione.

 

Leggi l’intera intervista ad Alberto Nobis, a.d. di DHL Express Italy, su Varese Focus