Dall’UE ok a 25 milioni di auti pubblici per Aerdorica

La Commissione europea ha approvato ai sensi delle norme sugli aiuti di Stato il progetto italiano di aiuto finanziario (25 milioni di euro) destinato alla ristrutturazione di Aerdorica, la società che gestisce l’Aeroporto delle Marche di Ancona.

L’azienda impiega 100 persone e fornisce servizi a passeggeri, compagnie aeree, merci, partner commerciali e tutte le operazioni aeroportuali. Attualmente è in procedura di insolvenza dinanzi al tribunale locale. A seguito dell’aiuto al salvataggio approvato dalla Commissione nel giugno 2017, l’Italia ha notificato alla Commissione i suoi piani di concessione di Aerdorica.

In base alle norme UE in materia di aiuti di Stato, le società in difficoltà finanziarie possono ricevere aiuti di Stato solo per il ritorno della loro redditività a lungo termine e sulla base di condizioni chiare. In particolare, gli orientamenti della Commissione per il 2014 in materia di assistenza finanziaria e ristrutturazione delle società non finanziarie impongono alle imprese di elaborare un solido piano di ristrutturazione.

Secondo il piano italiano per Aerdorica, i costi totali di ristrutturazione saranno finanziati in parte dal versamento in conto capitale di 25 milioni di euro dalla regione Marche e abbinati con i contributi provenienti dalle risorse proprie della società e operatori del mercato privati, di cui 15 milioni di euro di capitale da un nuovo investitore , Njord Adreanna Srl, che vuole il controllo della società.