Cma Cgm Air Cargo sospende i voli con gli Usa

Cma Cgm Air Cargo, il vettore aereo parte del gruppo Cma Cgm, ha lasciato di stucco il mercato dei suoi clienti, potenziali ed esistenti, sospendendo improvvisamente i voli con gli Usa, ovvero nel dettaglio i collegamenti tra Parigi e gli scali di Atlanta e Chicago.
La notizia, riferita inizialmente da Freightwaves, è stata confermata alla testata dallo stesso vettore francese, che ha descritto la mossa come “temporanea”. Gli aerei in questione sarebbero stati già rinoleggiati a Dhl Express e Qatar Airways, presumibilmente con l’obiettivo di ricavare da questa attività maggiori profitti. Stando alla programmazione riportata sul suo sito web, il network aereo di Cma Cgm in questa stagione invernale 2022-2023 dovrebbe comunque comprendere altri voli, dall’aeroporto Charles de Gaulle verso Seoul, Shanghai e Bangkok, nonché verso Hong Kong, con un servizio avviato lo scorso settembre.

La news dello stop ai servizi con gli Stati Uniti del vettore ha comunque suscitato un certo clamore tra i clienti della compagnia: alcuni spedizionieri rimasti anonimi hanno descritto a FreightWaves la decisione come un “danno”, dato che – hanno affermato – “stiamo promuovendo servizi che non esistono più”. In questo quadro, potrebbe non aver migliorato l’umore degli spedizionieri il messaggio con il quale Ceva Logistics – operatore logistico pure parte del gruppo francese Cma Cgm – ha segnalato di aver gestito senza problemi le spedizioni dei suoi clienti da e per gli Usa, dato che “essendo sempre in contatto con il vettore suo partner”, ha potuto sapere “in anticipo” di questa decisione e trovare soluzioni alternative. Tutti i vari operatori interpellati dalla testata, tuttavia, hanno detto di avere acquistato spazio in stiva con Cma Cgm Air Cargo solo su base spot e di non avere con il vettore contratti di lunga durata in essere, cosa che evidentemente farà sì che potranno riorganizzare le loro spedizioni senza troppo disagio.
La decisione del gruppo francese di lasciare, benché anche solo temporaneamente, il mercato Usa è stata percepita con disappunto dalla clientela anche perché, rileva sempre Freightwaves, gli operatori interpellati si sono detti molto soddisfatti del servizio ottenuto fino a quel momento. Che però le cose all’interno della divisione aerea di Cma Cgm le cose non stessero filando lisce o almeno che all’interno del management fosse in atto un confronto sulle strategia che il vettore avrebbe dovuto perseguire era emerso già nei mesi scorsi, dopo alcuni avvicendamenti in alcune posizioni di vertice della compagnia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY