Cathay Pacific sarà salvata con un aumento di capitale da 5 mld $

La compagnia aerea di bandiera di Hong Kong, Cathay Pacific Airways, sarà ricapitalizzata per 5,2 miliardi di dollari e il governo locale concederà prestiti in cambio di una partecipazione nella società.

“Cathay Pacific ha esplorato le opzioni disponibili e ritiene che sia necessaria una ricapitalizzazione per garantire la liquidità sufficiente per resistere alla crisi attuale” ha dichiarato la compagnia in una nota alla borsa di Hong Kong. Secondo quanto riferisce il “South China Morning Post”, che cita fonti informate sui fatti, il governo locale varerà un pacchetto di salvataggio da quasi 3,9 miliardi di dollari per Cathay Pacific, che garantirà due posti nel consiglio di amministrazione dell’azienda. Secondo quanto riferito, le azioni saranno acquisite tramite Aviation 2020 Limited, una società di Hong Kong interamente di proprietà del Financial Secretary Incorporated.

Cathay e i principali azionisti Swire Pacific e Air China hanno sospeso le negoziazioni questa mattina in attesa di un annuncio. Swire possiede una partecipazione del 45 per cento in Cathay e Air China ne detiene il 30 per cento. Cathay ha messo a terra la maggior parte dei suoi aerei a causa della caduta della domanda in seguito alla pandemia di coronavirus, trasportando solo merci e una rete ridotta all’osso di passeggeri verso destinazioni come Pechino, Los Angeles, Singapore, Sydney, Tokyo e Vancouver.

La compagnia aerea ha registrato un calo dell’utile di circa il 28% lo scorso anno, a oltre 217 milioni di dollari, a causa dei disordini sociali. La compagnia ha pubblicato l’11 marzo il suo rapporto annuale, nel quale il 2019 viene definito “un anno turbolento”. Le entrate sono scese a 13,77 miliardi di dollari, in calo del 3,7% rispetto al 2018. L’azienda ha registrato una performance positiva nei primi sei mesi dell’anno scorso, con un profitto di oltre 167,33 milioni di dollari. A causa dei disordini sociali e delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, tuttavia, il gruppo ha registrato un declino nel secondo semestre, nel quale il suo profitto è sceso a 44,27 milioni di dollari.

“Nel complesso, i rendimenti di passeggeri e merci sono stati sottoposti a forti pressioni nel 2019 ed entrambi sono stati inferiori a quelli registrati nel 2018” afferma nel rapporto il presidente del gruppo Cathay Pacific, Patrick Healy.

Per Cathay Pacific e la controllata Cathay Dragon, le principali compagnie aeree del gruppo, le entrate dei passeggeri nel 2019 sono scese a 9,28 miliardi di dollari, con un calo dell’1,3 per cento rispetto al 2018, a causa della forte concorrenza e della riduzione dei viaggi dovuta ai disordini locali. Per quanto riguarda le entrate dal cargo, Cathay Pacific e Cathay Dragon hanno registrato l’anno scorso ricavi per 2,72 miliardi di dollari, mentre la domanda mondiale di merci si è indebolita a seguito dell’intensificazione delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. “A seguito dell’impatto dei disordini sociali a Hong Kong nella seconda metà del 2019, la prima metà del 2020 avrebbe dovuto essere estremamente impegnativa dal punto di vista finanziario, con una capacità della stagione invernale già ridotta. Ciò è stato esacerbato dal significativo impatto negativo della Covid-19” ha detto Healy, aggiungendo che la domanda di viaggio è diminuita in modo sostanziale. “Prevediamo che la nostra attività passeggeri sarà sottoposta a forti pressioni quest’anno e che la nostra attività cargo continuerà ad affrontare venti contrari” ha aggiunto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY