Anche maggio è stato quasi ai livelli del 2019 per il cargo aereo italiano (-2,4%)

Dopo un mese di aprile in ripresa, il cargo aereo in Italia a maggio è tornato a fare segnare il segno meno rispetto ai livello dello stesso mese nel 2019. Lo rivelano le statistiche appena rese note da Assaeroporti secondo le quali nel quinto mese dell’anno in corso sono stati movimentate complessivamente 92.268 tonnellate di merce negli scali italiani, vale a dire un -4,6% rispetto a maggio del 2019. Il calcolo progressivo dei primi cinque mesi del 2021 riporta un totale di 430.538 tonnellate, vale a dire un -2,4% rispetto allo stesso periodo di due anni prima.

Rispetto al 2020, invece, il confronto è ovviamente positivo: dal 1 gennaio al 31 maggio il dato totale risulta in crescita del 33,7% rispetto allo stesso periodo del 2020. Il general cargo è cresciuto del 36,1% mentre la posta è calato di un -1,2%.

Ai primi posti della classifica rimangono Malpensa con 296.783 tonnellate di merce decollata e atterrata, Fiumicino 38.505, Bologna 19.713, Venezia 16.133 e Brescia 16.119. Lo scalo varesotto di Malpensa in questo momento è arrivato a controllare il 69% del traffico merci che viaggia via aerea da e per l’Italia.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY