Altri sei mesi di ossigeno per Alitalia

Sul dossier Alitalia arriva la proroga per la restituzione del prestito ponte mentre il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, fa l’attesa convocazione dei sindacati per il 12 dicembre. Un appuntamento chiesto a gran voce, da settimane, dalle organizzazioni sindacali che vogliono ora vedere le carte in tavola e capire come procede l’iter per il salvataggio e rilancio dell’ex compagnia di bandiera. All’appuntamento della settimana prossima si arriverà con un punto fermo e cioè la proroga, la terza, del prestito ponte da 900 milioni, in scadenza il 15 dicembre. 

Sul tavolo del prossimo Consiglio dei ministri, previsto per oggi mercoledì 5 dicembre, il provvedimento arriverà infatti nel decreto in materia di semplificazione e sostegno allo sviluppo. Secondo le bozze circolate, la nuova data di restituzione è fissata “entro 30 giorni dall’intervenuta efficacia della cessione dei complessi aziendali” e comunque “non oltre il termine del 30 giugno 2019”. Il differimento dei termini rappresenta una nuova boccata d’ossigeno per i prossimi mesi che saranno stringenti e decisivi per la conclusione del’operazione di salvataggio. 

Leggi di più su Adn Kronos