Ad aprile il via al potenziamento dell’hub Dhl Express all’aeroporto di Bologna

Già previsto nel piano di sviluppo da 350 milioni che l’azienda ha approntato per l’Italia, il progetto per l’ampliamento dell’hub di Dhl Express nell’aeroporto di Bologna è stato illustrato ora alla Regione Emilia Romagna.
“Tra aprile e giugno – ha dichiarato l’Ad Nazzarena Franco – è in cantiere il potenziamento del gateway dell’aeroporto di Bologna, dove ogni giorno un aereo è collegato direttamente all’hub Dhl europeo di Lipsia, in Germania. A oggi questo centro dà lavoro a circa 150 persone”.
Nel gateway – che, dopo quello di Malpensa, è per Dhl Express il più grande in Italia – l’azienda aveva già spiegato di voler investire 33 milioni. Franco ha spiegato che il centro verrà reso in grado di poter “lavorare 10 mila colli all’ora a fronte dei 6.000 della nuova filiale di Campegine”, l’ultimo centro logistico d’avanguardia inaugurato dalla società al servizio delle imprese emiliane e romagnole.
Nell’incontro virtuale, l’assessore allo Sviluppo economico e Lavoro della Regione Emilia Romagna, Vincenzo Colla, ha espresso il suo apprezzamento per l’accordo di secondo livello sottoscritto a fine 2020 da Dhl con le organizzazioni sindacali per i fornitori dei corrieri, “capace di dare sempre maggiori garanzie contrattuali anche ai lavoratori in outsourcing”.

Dhl Express Italy, parte del gruppo Dhl Deutsche Post, opera in Italia con 11 hub e gateway e conta 75 filiali. A Bologna è presente con tre centri: oltre a quello in aeroporto, ha un magazzino nell’interporto e un hub per le spedizioni nazionali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY