Ad agosto torna pesante il calo del cargo aereo italiano

Dopo un luglio più morbido (con un saldo pari al –2,5% sullo stesso mese del 2018), in agosto il calo del traffico merci è tornato a farsi pesante per gli scali italiani, che nel complesso, secondo i dati di Assaeroporti, hanno registrato un -6,2%, per un totale di merci movimentate pari a 76.298,1 tonnellate.

Anche nell’ottavo mese del 2019 si conferma la tendenza già osservata, che vede una flessione (in questo caso del 7,3%) del segmento del general cargo (72.026,5 tonnellate), a fonte di una crescita (ancora a due cifre, sebbene inferiore a quella di luglio, ovvero ora pari a un +15,9%) del traffico postale (a cui è ascrivibile anche quello generato dall’e-commmerce), che tocca le 4.271,6 tonnellate.

Attenuate le perdite di Malpensa che archivia agosto con un calo dell’1,6% contenendo dunque le perdite, come già fatto a luglio (-0,9%, mentre, per fare un esempio a giugno il decremento era stato del 4% e a maggio di 6,2%). Da notare che a differenza della media nazionale, lo scalo varesotto registra un significativo calo anche alla voce del traffico postale, -8,6% ovvero 963 tonnellate).

Decisamente peggiore, nel complesso, la performance di Fiumicino, che dopo il precedente -11,1%, archivia agosto con un -13%, ma nel complesso, a differenza del collega lombardo, continua ad avere un segmento postale che va a gonfie vele, e registra un +38,8% (679 tonnellate).

Facendo, infine, il punto sui primi 8 mesi dell’anno nel loro insieme, gli aeroporti italiani arrivano a perdere il 5,3% rispetto allo stesso periodo del 2018 (dato, dunque, in linea con quello di un mese fa), con una movimentazione complessiva di merci pari a 713.357,8 tonnellate.

Leggi di più sul sito di Assaeroporti

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA DI AIR CARGO ITALY